Dispietto

in

Doppo tre mmise ll’ aggio vista aiére;
essa pure m’ ha visto e s’ è fermata:
se ne ieva pe ncopp’ a li Quartiere,
e dint’ a na puteca s’ è mpezzata.

Pe vedé senza fàreme vedere,
nfenta aggio fatto de cagnare strata;
ma la nfama, capenno 'stu penziere,
è asciuta, s’ è vutata e s’ è turnata.

Io so’ rummaso friddo. Me sbatteva
mpietto lu core, e mmocca la parola
vuleva dì: — Buongiorno… — e nun puteva.

Uno ll’ha ditto : — Che bella figliola! —
E, pe' farme dispietto, essa redeva…
Essa redeva!… E se n’ è ghiuta sola.

di Salvatore Di Giacomo


CommentiCondividi contenuti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente. If you have a Gravatar account associated with the e-mail address you provide, it will be used to display your avatar.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
M
1
X
p
x
t
Enter the code without spaces.